ALDO

 

 

Avee un amigo vero

in quel de Fiera de Primiero.

Aldo l’era al so nome

co an cognome

tant comune nel so paese.

An tosat senza pretese

bon come al pan veramente.

Mi e lù, giometri pena fati,

avon laorà come mati

in val Naoana par far la diga

metendo tanta fadiga

co’ entusiasmo e sapienza

par aver competenza

e doperar i strumenti

tanto complicati alora esistenti.

Se fea longhe ciacolade

su robe facili o complicade

de laoro e anca sul dificile argomento

de rispetar in ogni momento

l’aldilà e le question che al cor le va drit.

Stea par rivar la fin de l’ano e mi ghe ho dit:

Aldo, dove pasitu la not pi bela

forse a balar, a berte qualche scudela

de vin, oppure a far baldorie

coi to amici par contarve tante storie?

Quel che al me ha contà prontamente

al me ha comovest da restarme fis in te la mente

par poderlo scriver ades quà,

co l’emozion del ricordo che me è restà.

Aldo la sera del 31 de fine annata,

co tut al mondo al fea na festa scatenata,

al ndea da sol in alto verso le pale de san Martin

co la luna che ghe luminea al troi del camin

fin che al trovea la neve alta e farinosa

da poder scavar an bus , an let, na posa

e meterse dentro covert da la neve che pemurosa

la lo tegnea ben calt e, lontan da tuti, nel silenzio amato

a vardar in alto al cielo tuto stelato.

Al me disea che a un certo punto, al bot

lontan de le campane de medanot,

l’era par lù la felicità quela vera, granda, grandiosa.

Poc tempo dopo la montagna tanto amata

la se ha porta via Aldo durante na scalata.

Mi pense che ancora ades lù al sia là in zima

sora le pale de San Martin, libero de vardar la luna,

de controlar quanta acqua che ha la la diga de Val Noana

e spero che qualche olta la sù, dal cielo,

come che fae mì quadò, al se ricorde de Marcelo

e dei bei tempi de gioventù pasadi insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *