GIOCHI SENZA FINE

Il primo sono io, l’ultimo è Bepi

 

Mi e Bepi de ani se ghe ne avea fat

apena la prima decina

e par strada godendo come mat

ogni di, fin da la matina,

se fea tanti dughi veramente bei.

I nostri passatempi, tuti quei,

i avea sempre la so conclusion

e vinzea quel tosat che co passion

l’avea ciapà le balete tant bele,

colorate che ne impienia le scarsele

opure quel che cola giaca o col maion

al pindol al’avea ciapà da gran campion.

Le pacere del Piave le servia par eliminar via via

tuti i concorrenti colpendo co maestria

la piereta che, sempre su la strada,

ognun de noaltri la avea ben in fila sistemada

An bel di mi e Bepi avon inventà

an dugo novo che avon batezà

senza fine” parche no ghe n’era

conclusion in nessuna maniera.

Finì de dugar ognun de noaltri dò

al ndea via disendo solamente : tò

la parola magica “trec” e solo quela.

La regola la era cusi fata e bela

che vinzea quel che riuscia a dir sec

e par ultimo sta parola magica: “trec”

Ma quel che sempre sucedea

l’era che quel altro anca lu “trec” al ripetea

deventando subito l’ultimo e quindi al novo vincente.

Del fato, portà all’infinito, se capis la fine inesistente.

E’ pasà setanta ani ed anca ades

mi e Bepi se saludon col “trec” molto spes

senza però che ancora no esista soluzion

parche no se aceta gnanca ancò la solita question.

Mi pense che la disputa la poderà vegnir risolta sol alora,

tra molti ani, che un al compagnerà quel altro a la so ultima dimora.

Però son convinto che al “senza fine” resterà perfeto

parche sarà alora inevitabile star ziti par rispeto

de chi che no al sarà in grado de parlar più

e senza che al pose saver che finalmente al ha vinto lù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *