GUIDO

 

la britola

 

I tempi de la nostra giovinezza,

pasadi in armonia e tanta contentezza

i vivea de robe semplici e dughi all’aperto

che noaltri doveni se fea al posto de smartphon,

internet e videogiochi che ades più o meno tuti avon

La roba che ne piasea proprio tant

al era de trovarse in tanti tosat

par dugar o par contarse a voce alta

quel che se avea fat dopo l’ultima olta.

Me sente in dover de ricordar Guido che al stea

in te na casa sora Scevenin ma quando che al podea

al vegnia in paese a pasar momenti bei

trovandose co noaltri come che se fuse fradei.

La passion che lu l’avea l’era tuta concentrada su la” britola”

quel cortel curvo e pieghevole che al avea sempre in scarsela

par far picoli intagli sui toc de cornoler

o de altro legno molto molto duro da incider .

Come che al entrea in nostra compagnia

al ghe dea sfogo subito a la so mania,

a la so passion: na britola lucida e splendente

che al ne mostrea come oggetto raro ed avvincente.

La matina de Pasqua, dopo la messa de le oto,

coi ovi colorati a dugar sul “rigoleto” da Orlando, mi ere là

quando che al è rivà e ghe ho subito domandà:

Guido fame veder l’ ultimo sogno de la to mente

Lu, metendo le man in te le scarsele e no trovando gnente,

al è restà imbalsamà perché al la avea certo desmentegada.

Scuro in volto e sgorlando de quà e de là la testa:

al à sentenzià: “al di de Pasqua senza britola no l’è gnanca festa,!”

E subito de corsa a casa, un’ora a piè par pasar Scievenin come an toro

e n’altra ora par tornar a farne veder tut content al so tesoro.

Dolci felicità fate proprio de gnente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *