I PERI MARZI

In tempo de guera mi ere picenin

ma me ricorde ben del me giardin

del nostro ort, in figur del nostro teren

e del cortivo dove che vivea ben

galine, cunici e anca in te le colombere

i colombin, la meio parte de le povere

magnade fate co quel che era de nostra produzion

parche quel poc che in botega se comprea

co la tessera, semplicemente schifo al fea

Drio la casa se avea an perer gigante

co fruti che i ne bastea prima, dopo e durante

l’inverno parchè se li metea in sofita

sparsi su le canete de na grisioleta.

Quando che se avea fini la polenta de magnar

mi avee l’incarico de la fruta procurar

Ben deciso me popà al me dea na dritta:

Senza sbagliar mai, và a tor peri in sofitta

e scegli quei an poc marzi in modo tal

da no aver mai fruti ndati a mal

e che ne toca par forza butar nela spazatura

Mi me ricorde che quando che ere davanti alla natura

de longhe file de peri bei, maturi, giallo oro

squisito e pronto da gustar , an vero tesoro

restee a boca verta pensando che viceversa

questa l’era sol che na speranza persa

parchè noaltri sol che quei marzi se podea aver

An bel di me ho fat coraio e ho dit al me pensier

Popà ma ma parche noaltri dovone meterse in mente

che sempre peri marzi dovon magnar e assolutamente

mai e poi mai quele bele pere mature e apetitose

parche inveze bisogna spetar e asar che le se imarzise

La risposta la era logica: Par no butar via mai roba

utile e sopratuto quela sacra come al magnar

pensando a quei che i tira cinghia fin a crepar:

l’è solo questo che porta a miglorar la vita de l’on

A sto punto no pol proprio mancar al paragon

col di d’en co: se buta via tanta roba da magnar, vestiari

scarpe ma anca elettrodomestici, atrezzi e e machinari

No voria che andando avanti de sta spece

no se finise par cambiar trope robe vece

ben convinti che costa manco comprar novo

al è tut chiaro come de colombo l’uovo.

Ghe né an problema che “fata la regola , la legge

trovato l’inganno” che vol dir partir come schegge