LA GELOSIA

 

Bisogna proprio dir che la gelosia

quando che la regna la è an turbine, na malatia

na dannata rivoluzion che la manda par tera

fameie, laoro, salute : in poche parole la vita intiera.

Voi contarve un fato che ho vivest mi de persona.

Avee na amiga, brava moglie de fameia bona

che dala malatia de cui se parla la era imposesada

e cusì bestialmente e totalmente indemoniada

da render la vita grama a tuti, parenti, amici e a ela stessa.

Al so om nol podea far gnet parche ogni monada

par ela l’era tradimento. Na olta la era talmente rabiada

che la ghe à spacà la testa col taco a ponta dela so scarpa.

Mi lo ho portà al’ospedal disendo, per evitar ogni question,

che la era stata la sponda del so camion

a cascarghe ados e lo stes ho dovest testimoniar

ai carabinieri mandadi a casa dall’ospedal par indagar.

Ma al colmo de tuta la question al vien pi avanti, ecco cosa che è successo

L’amigo-marito purtropo al è mort doven e mi, a un mese dal decesso

son ndat co la vedova in cimitero e stee in silenzio totale

davanti a na longa fila de loculi, ma senti al caso madornale!

Son là serio e riverente di fronte a la fotografia e ale parole

stampade sul marmo, quando piangendo l’amiga gelosa la me fa:

Marcelo ma notu vet gnent? Ma veramente no tu vet, no tu ragiona!

Mi no vedee proprio nessuna stranezza mentre ela, tutt’altro che bona

e ancora na olta rabiada: ma come fatu Marcelo a no renderte cont

che proprio, proprio sora a me marì

proprio na bela tosa bionda i ha sepelì !