SMARTPHONE

 

Trenta ani fa al contato co’ amici o parenti lontani

ma anca vizini par le noze, i funerai e i compleani

se lo tegnea co letere, bilieti e cartoline de la posta

par meterse dacordo su na question o na festa.

Che adès le robe le sia cambiade l’avon in mente

ben savendo tut quel che alora l’era normal par la gente.

Quando che a casa se magnea, ghe olea star ziti

par via de la televison e dei partiti

che inveze i parlea tant senza dir gnent.

De not se ‘ndea in tel let là rent

ma molto tardi parchè se avea vardà

in television tut beatiful e la bestialità

dei matrimoni e divorzi fati in confusion

Le poche ore libere che ancora avion

Le era tute ocupade dal calcolator

Parchè bisognea co tut al cor

chatar co tanti

vizini o distanti.

Alora par far na fotografia

an mucio de temp al ‘ndea via

par negativi, stampa e obietivi

ma adès coi moderni dispositivi

de foto se ghen fa an quintal

tute automatiche col digital

convinti de eser deventadi

tuti quanti artisti patentadi.

Ma an fato che ancò tuti vedon

al è al mistero che a ciapar le decision

la sia na roba picenina picenina

nata veramente in sordina.

Al responsabile sempre presente

de grado supremo, maestoso e prepotente

al è al telefonin, batezà su tuta la tera

smartphone o in qualche altra strana maniera.

Ti no tu poderà mai abandonarlo

parchè al è pedo de an tarlo

che te cambia al to destin

sto arnese tanto mingherlin.

Lù al sona a tute le ore e te pol senz’altro capitar

qualcosa de importante come convinzerte de cambiar

servizio de acqua gas, luce e con ragionamento

che ala fine lu al te fica an novo abonamento

par farte sparagnar : ma inveze i è soldi trati al vento

Se tu viaia co l’automobile che tu a pena comprà

l’è lu che comanda de ndar de quà o de là,

e co planimetrie e co voce forte ordinar

de tornar indrio o de fermarte e parcheggiar

parchè tu se già sul posto dove che tu avea da rivar

Ma i meio fati i è ancora distanti.

Pareria che andando avanti

quel telefono innocente

al deventese adiritura onipotente

sostituendose a la posta, le banche, al giornal

ai negozi veci e famosi, al dugo e ogni bacanal

ai libri da leder, ai discorsi viso a viso.

Alora ognun de noaltri, nesun escluso,

quando che al torna a casa stratolt dal laoro

ancora da distante al vederà al capolavoro

del cancel già vert che lu al ha parecià

par no farne far gnanca la figura

de girar la ciave ne la seradura

Ti tu poderà comprar la roba che te vien in mente

senza moverte da casa : sta tranquilo, sentà

che te riva presto la merce che tu ha ordinà

magari portada dal drone, na spece de farfala

che, entrà da la finestra al quinto pian, al se cala

par poiarte senza rumor su la to tola

dove che tu magna medodì e sera, la scatola

del vin e ‘l sachet de la salata già lavada ed anca tuti

i surgelati che col microonde tu scalda in do minuti.

Entro casa tu pol verder le persiane o i balconi

e impizar la luce senza gnanca schinzar i botoni

esendo tut programà dal paron de la casa e del casin

che te ho già spiegà : al telefonin

Tu pol, anca stando a distanza ,

regolar la temperatura de ogni stanza

ed anche la lavatrice farla ndar e controlar

anca ti, pena tornà, la roba tu la pol trovar

già suta e e pronta par metertela intorno

Se tu ol verdi pur le finestre de giorno

par darghe aria a la casa, al to tesoro,

sempre stando quieto lontan sul to laoro.

Ma cosa oe mi mai dit!, ho sbaglià la frase

del laoro parchè anca quel cambierà de base:

tu lo farà stando casa toa parchè al sistema in atto

al te colegherà via etere con qualunque manufatto

coi so colori, col sonoro e pian pian ancha col odor

de la roba che tu laora senza gnanca dover

andar mai a tocarla co le man davanti al to viso.

A sto punto tu pol dir che è rivà in tera al paradiso

co tute le so meraviglie, comodità, lavoro, divertimento.

Inveze le ora che dal cielo alto mi torne in tera

e, asando da parte  ogni chimera,

deve dirte che nela realtà

ti tu se ormai prigionero de la modernità:

Al smartphone minuscolo e legero

al te è entrà in tel zervel e in te le vene

misià col sangue senza che tu senta mal o bene.

Ti ormai, come no tu pol star senza al sangue vitale,

cusì no tu sarà mai bon de privarte de quela tale

minuscola robeta parchè co grande indiferenza

e sovratuto senza ciapar conosenza

e senza poder mai pì tornar indrio

ti tu à pers tut quel pi bel che te avea dat dio :

al gran ben de tuti quei che te stea intorno

occupà come che tu sè a telefonar tut al giorno

de sera e de matina, in treno, in machina

in sala de concerto o, in giardin su na pachina

sempre col telefonin in man come che al fuse deventà

la prolundga de la recia che, in verità,

la par sorda come an campanon

parchè ti non tu a pi temp a to disposizion

par scoltar,come che fuse gnent ,

quel che te conta tuti i amici e e i parent