LA PROGETTAZIONE

UN MAXI SERBATOIO SOTTERRANEO PER VINCERE LA GRANDE SETE DELL’ISOLA D’ELBA

tracciato galleria serbatoio Elba

 

Per la risoluzione dei problemi idropotabili dell’Isola d’Elba si prevede la costruzione di un serbatoio totalmente sotterraneo della capacità di 2 000 000 mc atti ad immagazzinare d’inverno i volumi d’acqua necessari per far fronte alle punte di consumo estive

 

DEL PROBLEMA IDRICO DELL’ISOLA D’ELBA HANNO SCRITTO

 

Di tutte le menzioni fatte sulla stampa e sui blog locali in relazione al progetto di massima del grande serbatoio per l’Isola d’Elba, menzioni elencate nell’articolo, si fa notare il n. 75 della rivista  “Gallerie e grandi opere sotterranee ”  nel quale è riportato integralmente il progetto di massima del serbatoio da 2 000 000 mc di  imvaso

 

 

A PROPOSITO DI GALLERIE

Durante la costruzione  delle due gallerie autostradali scavate sotto il Gran Sasso d’Italia si sono intercettate acque che sono state convogliate ed immesse nei due principali acquedotti delle Province di Teramo e L’Aquila  destinandole a coprire  al fabbisogno idrico di circa 800 mila abitanti

UN SERBATOIO PARTICOLARE PER VENEZIA, CITTÀ’ PARTICOLARE PER ECCELLENZA

In un appalto concorso esperito per la costruzione dei un grande serbatoio per la città di Venezia Insulare si era progettato di maggiorare il diametro delle  due condotte sublagunari di adduzione destinate a collegare la terraferma con la città lagunare allo scopo di raggiungere il secondo obbiettivo  e cioiè trasformarle nel richiesto serbatoio di accumulo. Nonostante l’appalto concorso fosse stato giudicato vincente la costruzione non venne eseguita avendo il Comune di Venezia cambiato la sostanza dell’appalto.

 

 

LA RISOLUZIONE DELLE EMERGENZE IDROPOTABILI MEDIANTE SERBATOI SOTTERRANEI DI INTEGRAZIONE DEI BACINI ARTIFICIALI

L’accumulo di grandi volumi d’acqua a scopo potabile ed irriguo un tempo veniva realizzato mediante  i dighe di ritenuta con formazione di grandi laghi artificiali.  A seguito delle grandi difficoltà intervenute ai nostri giorni tali opere sono  raramente fattibili ed in loro sostituzione  non resta che  ricorrere a bacini sotterranei le cui caratteristiche formano l’oggetto di questo articolo

LO SBARRAMENTO MOBILE DI FOCE

Un’opera singolare che può  dare un notevole congtributo alla risoluzione di diversificati problemi idrici. Si tratta di uno sbarramento apribile e che forma, alla foce dei grandi fiumi, un grande invaso che può sopperire alle gravi carenze estive dovute  da una parte alla scarsità d’acqua delle  siccità estive e dall’altra  alla impossibilità di prelevare  l’acqua dei grandi fiumi a causa della  risalita del cuneo salino proveniente dal mare  che la  rende  inutilizzabile. La struttura consente anche di realizzare il riciclo delle acque reflue delle fognature di tutti i centri abitati posti  nel nel bacino imbrero della foce in argomento.

 

ACQUEDOTTI CON ELEVATE CAPACITA’ DI COMPENSAZIONE DELLE PORTATE E DI ACCUMULO ENERGETICO

L’accumulo dei cascami di energia   prodotta con i moderni sistemi e che sfruttano  la forza del vento ed il calore del sole oppure quella delle grandi centrali termoelettriche che continuano a produrre energia elettrica  anche quando calano le richieste dell’utenza, è difficilmente accumulabile. Un notevole comtributo potrebbe essere dato da acquedotti forniti di grandi serbatoi di accumulo con affiancato un serbatoio idropneumatico secondo le modalità indicate nell’articolo